Info corso

crediti ECM
6
Periodo
on-line fino al 31/12/2019
Codice ECM
38-251843
Destinatari
Medico Chirurgo specialista in Medicina Generale

Programma del corso

    • Sessione A

      • 1Presentazione del caso clinico (clinical vignette)
    • Sessione B

      • 2Inquadramento della malattia da reflusso gastro- esofageo tipica e “atipica”
    • Sessione C

      • 3Segni e sintomi otorinolaringoiatrici
    • Sessione D

      • 4Tosse: non solo reflusso
    • Sessione E

      • 5Opzioni Terapeutiche
    • Sessione F

      • 6MRGE “atipica” (Tosse cronica e laringite da reflusso)

Autori

Umberto Caliceti

U.O. ORL, Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna

Fabio Pace

Unità di Gastroenterologia, Ospedale “Bolognini” di Seriate (BG)

Francesco Tursi

USC di Pneumologia, Azienda Ospedaliera Provincia di Lodi

Alessandro Zanasi

Presidente AIST (Associazione Italiana per lo studio della tosse), Bologna

Presentazione del corso

Il reflusso gastroesofageo (RGE) è un evento frequente ma non necessariamente patologico. Solitamente il RGE viene distinto in due differenti sindromi a seconda che siano presenti sintomi tipici di pertinenza esofagea (rigurgito, pirosi retrosternale,..), oppure atipici di pertinenza extra esofagea (tosse, faringodinia, asma, throat-clearing…). La prima condizione, proprio per la specificità dei sintomi, è relativamente facile da riconoscere, mentre la seconda crea non poche difficoltà di inquadramento clinico, in quanto i sintomi derivano da una condizione irritativa della mucosa di diversi settori anatomici: faringe, laringe, sistema bronchiale, cavità orale ed anche fosse nasali.

Si comprende pertanto come, in questo secondo caso, la corretta interpretazione del quadro clinico richieda una visione integrata da parte dei vari specialisti ai quali i sintomi attengono (gastroenterologo, pneumologo e otorinolaringoiatra).

Solo una valutazione multispecialistica sarà infatti in grado di individuare correttamente la potenziale correlazione tra RGE e sintomi altrimenti ritenuti aspecifici e che spesso riconoscono una genesi multifattoriale.

Un ulteriore aspetto critico di questa problematica è rappresentato dalla scarsa, o a volte eccessiva, sensibilizzazione che i differenti specialisti, in particolare l’otorinolaringoiatra, presentano nella interpretazione di sintomi e segni clinici, circostanza che può determinare carenza o ridondanza di trattamento.

Va infine sottolineato come la diffusa abitudine di intraprendere subito una terapia antireflusso in pazienti con sintomi e segni clinici extraesofagei, compatibili a questa patologia, porti spesso a risultati deludenti, rimarcando ancora una volta la necessità di una più accurata valutazione del quadro clinico.

Scopo del nostro incontro è quello di stimolare i partecipanti ad una differente presa di coscienza del problema, ad una visione integrata della gestione dei sintomi riconducibili a reflusso atipico e di creare un dibattito con l’obiettivo di rendere più ampio e collaborativo il rapporto fra i diversi specialisti.

Con la sponsorizzazione non condizionante di

Provider ECM n. 038
Via Guelfa, 9 - 40138 Bologna
email supporto: fad@planning.it
www.planning.it

Fad.Planning è la piattaforma FAD del provider Planning Congressi su cui sono pubblicati i corsi ECM accreditati per operatori sanitari.

Engineered by